Browsing Tag

politica

Parra parra

Orlando al 5 stelle? Scontro sui numeri

giugno 23, 2016
Orlando al Cinque stelle? Scontro sui numeri

Orlando al Cinque stelle? Scontro sui numeri

Non è ancora iniziato il Festino che pare già un tripudio di botti. E pare che fecero arrabbiare pure a quelli del Movimento stellare. Ci fu uno che parlò di rumors sentiti all’interno delle stanze del Comune di Palermo, secondo le quali il sindaco vorrebbe passare alla formazione politica, anzi antipolitica, insomma che fa politica contro la politica.

In un momento in cui c’è cu s’affacciò a riveder le stelle, come dissero su Ulapino, a qualcuno arrizzarono le carni. Pare che Orlando al Cinque Stelle non ci possa passare. Il suo partito c’ha un numero troppo alto, “Mov139”, e i cristiani si cunfunnunu… cu tutti sti nummari.

“Questa cosa del passaggio non potrà accadere Mai”, scrivono i pentastellati.

Ma che è partita di calcio ca ci sunnu tutti sti passaggi? E insomma il Movimento conclude dicendo che è pronto a prendersi le responsabilità. E finalmente si è capito chi ha causato tutta sta confusione che gira per il mondo. Speriamo non chiedano i danni.

L'impennata, Parra parra

E quindi uscimmo a riveder… il cielo

giugno 21, 2016

luna del 2016-06-21 alle 11.01.44

Stanotte ci fu plenilunio. E stanotte trasio anche l’estate. Dice che il fenomeno è bello e importante. Un fatto energetico… Noi del Lapino ieri sera ci siamo stinnicchiati a guardare il cielo e le stelle. E in questo periodo di stelle ce ne sono tante. Ci sono quelle cadenti, quelle comete e ci sono quelle che cammino a gruppo. Non più di cinque per volta.

Pare che sti Cinque stelle fecero trambusto qualche giorno fa al punto tale da mettere in discussione tutti. Noi che di politica ne capiamo poco (perché forse poco c’è i capiri) abbiamo però sempre ascoltato la gente. E sappiamo che la gente dice mille cose. Ora c’è chi ammette che le cose per il suo partito non vanno bene, chi sta in silenzio e s’ammuccia e chi annuncia di conquistare il mondo.

Noi del Lapino continuiamo la notte a stare stinnicchiati e a ripensare che una poco di picciotti e patri di famigghia sunnu ppa strata, senza lavoro, né arte e né parte. Pensiamo che i pensionati su’ misi mali e c’è puru corchi cristianeddu che ruba nei supermercati il formaggio. Pensiamo che c’è cu addumanna ppi campari e chi finiu puru mali a forza ri pinzari.

Noi del Lapino babbiamo assai e su tuttu. Ma avemu una certezza: i giochi della politica c’appassionano poco, perché fuori oggi c’è fame. E quannu c’è fame e ci su picciriddi un si babbia.

Noi del Lapino stiamo ancora a guardare il cielo, le stelle… e speriamo che qualcosa in sta terra s’aggiusti, altrimenti su guai ppi tutti. 

'u sintisti?

Basta tende davanti alla Presidenza della Regione: ora un bel B&B

giugno 10, 2016

Presentato all’Ars un emendamento per trasformare la tendopoli montata davanti a Palazzo d’Orleans in una casa più confortevole.

Basta tende davanti alla Presidenza della Regione

Basta tende davanti alla Presidenza della Regione

Buone nuove in arrivo per i tanti manifestanti che, a turno, passano notte e giorno davanti alla Presidenza della Regione, sperando che possa cambiare la situazione e che magari qualche esponente di partito faccia visita per un selfie da condividere su Facebook.

La maggioranza di governo ha infatti presentato un documento che, se approvato, potrebbe vedere trasformare le vecchie tende che installano i manifestanti, in un bel bilocale in muratura munito di cucina e servizi. Il tutto per garantire una migliore condizione di protesta, considerati i tempi entro cui qualcosa si muove.

Tanto non cambia niente –  dicono voci di palazzo – almeno garantiamo maggiore dignità a questa gente che, nonostante tutto, non perde la speranza. Lo vogliamo anche se ci remano contro, noi siamo molto democratici”.

In effetti ogni manifestante deve prima montare una struttura e poi smontarla quando ha risolto o quando non ce la fa più ad aspettare. E i nuovi arrivati devono fare ogni volta la stessa tiritera. Una struttura fissa agevolerebbe alcune delle operazioni di protesta.

L’emendamento ha innescato qualche critica fra le fila dell’opposizione che in una nota precisa: “Il governo sa che si troverà a breve dall’altra parte della barricata e sta cercando di prepararsi, garantendosi tutte le comodità”.

Qualcuno però dice: “Alla fine, risolti i problemi dei manifestanti, la struttura potrebbe diventare un bed and breakfast a prezzi bassi per i parlamentari che non vivono a Palermo. Ci sarebbero meno assenze e più risparmi per chi è stato eletto in altre province dell’isola”.

Di confusione, comunque, ce n’è anche fra chi ha firmato il documento: “E se devono manifestare diverse realtà?”, domanda qualcuno. “Attiveremo un servizio prenotazioni protesta e assumeremo un paio di precari per rendere attivo il servizio h24”.

Il voto in aula è stato fissato a breve.