L'impennata, Parra parra

ESCLUSIVO. La Sicilia pronta a lasciare l’Italia, si vota per l’annessione agli Usa

giugno 27, 2016

Stati Uniti d'America Sicilia

Dopo i tumultuosi eventi d’oltremanica, anche la più imponente isola del Mediterraneo si prepara ad una scelta epocale. La Sicilia è pronta a votare la sua annessione agli Stati Uniti d’America. Pare che ci siano già pronti i moduli per la raccolta delle firme. E il voto pare che abbia pure, visto che siamo ancora in prossimità di saldi, un esito scontato: l’Isola sarebbe pronta a far parte della nazione più potente del mondo.

La sola idea sta lasciando senza parole tutti, dai politici alle associazioni, anche quelle a delinquere. Senza parole gli indipendentisti e i neoborbonici, quelli del PD, i Cinque stelle (anche se per invidia, visto che la bandiera americana di stelle ne ha più di cinque). Senza parole anche Forza Italia e Italia dei Valori (che dovrebbero comunque cambiare nome… togliendo Italia), quelli dell’UDC (che si troverebbero in competizione con Washington D.C.).

“L’Europa ci ha stancato, l’Italia ci ha stancato… – dicono gli organizzatori -, e per questo siamo stanchi. Anche se è bene dire che siamo nati stanchi.  E non possiamo pensare che ci continuino a chiedere sacrifici senza che noi ci ribelliamo. Anche se con moderazione perché siamo stanchi”.

Intanto nel centro storico del capoluogo ci si prepara al cambiamento. In molte strade sventolano già le bandiere a stelle e strisce con la trinacria al centro. Anche il cibo di strada ha adottato il doppio prezzo € euro / $ dollari. E pare che in tanti parlino già l’anglisi.

“Nessuna novità comunque – ha affermato un anzianotto -. Siamo colonia americana dal dopoguerra. Qua comandano gli ammericani da sempre. Hanno basi e fanno quello che cabbasiso vogliono…”. L’intervista purtroppo si è interrotta perché un furgone nero ha portato via l’anziano signore che stava parlando con noi. L’autista di quel furgone si è scusato dicendoci: “Sorry!“.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply